Monika Bulaj. Fotografie di identità dimenticate

Senza categoria

Monika Bulaj è una fotografa autentica. Autentica perché essenziale. Nei suoi scatti non vi è nulla di superfluo. Ogni scatto è un’idea. Amo Monika Bulaj per la sua capacità di muoversi lungo direttrici estreme, lungo sentieri poco battuti, per lo scandagliare anfratti, le persone ai margini della festa. I suoi reportage raccontano di religioni nascoste, di minoranze etniche, di popoli nomadi e di migranti.

Ha pubblicato tanto e vinto tanti premi. «Il mio obiettivo – ha asserito in occasione della TED Global Fellowship 2011 – è quello di dare voce alle persone silenziose, per mostrare le luci nascoste dietro il sipario del grande gioco, i piccoli mondi ignorati dai media e dai profeti di un conflitto globale».

Qui un suo reportage dal Kossovo.